Della bufala. Intesa come una delle belle arti

Posts Tagged ‘animali politica natura società leggende metropolitane’

I MOLTI VOLTI DEL POTERE

Posted by pocavista su 2 agosto 2010

fatto-banner-2-550x90_-3

Silvio, da giovane latin lover

Silvio da giovane, in versione latin lover anni '50

berlusca-incaz

Silvio, ormai divenuto papi lover.

Senza parole

"A venti anni hai la faccia che Dio ti ha dato. Dopo i cinquanta quella che ti meriti" (proverbio toscano)

Sono come tu mi vuoi. Ovvero : i molti volti del potere

Da Houdini a Brachetti. Escapismo e trasformismo. Sono come tu mi vuoi, ovvero : i molti volti del potere

Borghezio, l'elegante, Lega Nord

Borghezio, l'inclito druido della Lega Nord, mostra dal palco gli effetti collaterali provocati dall'assunzione di massicce e inutili dosi di Viagra

Bossi, il colto, Lega Nord

Il tipico understatement britannico di Bossi, Lega Nord, che mostra l'accurato lavoro di una manicure padana.

Piccoli Padani Crescono. Renzo Bossi, figlio del più noto Umberto, con i lauti emolumenti da consigliere regionale lombardo si è subito comprato l'elegante T-shirt per sentirsi all'altezza del suo ruolo istituzionale.

Piccoli Padani Crescono. Renzo Bossi, in arte Il Trota, figlio del più noto Umberto, con i lauti emolumenti da consigliere regionale lombardo si è procurato una signorile T-shirt per sentirsi all’altezza del suo ruolo istituzionale. Il Trota sembra aver fatto tesoro del proverbio padano (riportato nel sito ufficiale della Lega Nord http://www.padania.org)

Quand l´aqua la toca al cü´inpara a nudar. Per la serie : non capisco, ma mi adeguo.

Calderoli, già terza carica dello Stato, cerca di incarnare l'italiano medio. Avendo grosse difficoltà con l'italiano, per prudenza ha mantenuto solo il medio

SOTTO - Il sofisticato esteta Calderoli cerca di incarnare l'italiano medio. Avendo grosse difficoltà con l'italiano, per prudenza in pubblico esibisce solo il medio

Il raffinato Leader Supremo come sempre dà sfoggio di grande classe

Il raffinato Leader Supremo non perde occasione per dare sfoggio di grande classe.

Capezzone, da poco nel PdL e quindi ancora poco allenato, sta scaldando il dito medio in una pausa dei lavori parlamentari.

Capezzone, da poco nel PdL e quindi ancora poco allenato, sta scaldando il dito medio in una pausa dei lavori parlamentari.

giornalisti diversamente consoni alla deontologia professionale

Due giornalisti "diversamente consoni" alla deontologia professionale. Feltri, direttore del Giornale, com'è noto tiene il busto ispiratore di Mussolini sulla sua scrivania. Belpietro, che oggi dirige Libero, e che riceve finanziamenti statali in quanto organo del Movimento Monarchico (!), forse può rifarsi a quello del giovane e televisivo Emanuele Filiberto di Savoia.

Titolo di Libero (diretto da Feltri) dopo richiesta di divorzio da parte di Veronica dopo vicenda Noemi e candidature diveline varie

Elegante titolo e foto su Libero (allora diretto dall'ineffabile Feltri), che fa seguito alla richiesta di divorzio da parte di Veronica Lario, in seguito a vicende Noemi e candidature delle veline alle elezioni regionali

Bruno Vespa, da vero giornalista indipendente porge doveroso omaggio all' "editore di riferimento"

Bruno Vespa, da vero giornalista indipendente porge doveroso omaggio all' "editore di riferimento"

Silvio controlla che sia tutto a posto prima di un faccia a faccia con Fini

Silvio, con gesto elegante, controlla di avere le carte in regola prima di un colloquio riservato con Fini

Silvio e Gianfranco, in un tenero tete a te, prima della burrascosa rottura sentimentale

Silvio e Gianfranco, in un tenero tete a tete, prima della burrascosa rottura sentimentale

Fini, dopo la rottura con il Leader Supremo, in un momento di umana emozione

Fini, dopo la rottura della relazione con il Leader Supremo, in un momento di umana emozione. "E pensare che le leggi ad personam te le ho fatte votare tutte!"

Fini da giovane

Fini da giovane, quando conosceva la dittatura solo per sentito dire

"Caro Gianfranco, adesso te lo faccio vedere io come si saluta!"

"Caro Gianfranco, adesso te lo faccio vedere io come si saluta!"

Sandro Bondi, recita una giaculatoria durante un'inaspettata apparizione del Leader Supremo nell'aula di Montecitorio

Il devoto Sandro Bondi, recita genuflesso una giaculatoria durante un'inaspettata apparizione del Leader Supremo nell'aula di Montecitorio

l'on.Ghedini, una delle menti giuridiche del PdL, dall'inquietante somiglianza con il Nosferatu di Murnau

Il Nosferatu di Murnau? No, la mente giuridica di Silvio, il mitologico on.Niccolò Ghedini

Il Ministro Claudio Scajola, PdL, sta chiedendo in giro chi si sia permesso di pagargli la casa

Il Ministro Claudio Scajola, PdL, mentre sta chiedendo in giro chi sia quel "rompicoglioni" che si è permesso di pagargli la casa

Il Ministro della Difesa La Russa, PdL, porta un cero alla Madonna dopo che Fini é stato messo alla porta da Berlusconi

Il pio Ministro della Difesa, La Russa, PdL, porta un cero alla Madonna come ex-voto, dopo che Fini é stato messo alla porta.

Fabrizio Cicchitto - Spero che non se ne sia accorto nessuno

Fabrizio Cicchitto, ex-P2 - Dalla Loggia coperta alla loffa coperta

Maurizio Gasparri - Certo che nel PdL l'aria si è fatta irrespirabile!

Maurizio Gasparri - Ma che è 'sto tanfo? Certo che nel PdL l'aria si fa sempre più irrespirabile!

PARI OPPORTUNITA’ – OVVERO UN MINISTERO  PER TUTTE

Sarà per il loro radicamento nel tessuto sociale del paese, per la loro straordinaria competenza sul funzionamento dell’amministrazione dello Stato, o per altri meriti intellettuali?  A voi la risposta.

Daniela Santanchè, sottosegretario, con la raffinata cifra stilistica che la distingue

Daniela Santanchè, sottosegretario, con la raffinata cifra stilistica che ormai contraddistingue molti esponenti della destra. Santa 'n chè?

Michela Brambilla, sottosegretario, con le calze autoreggenti che ne rappresentano il maggior titolo di merito

Michela Brambilla, sottosegretario, con le calze autoreggenti che ne rappresentano il maggior titolo di merito

Mara Carfagna, ministro, nella sua ascesa verso il potere

Una splendida Mara Carfagna, ministro, durante la sua resistibile ascesa verso il potere

Che cosa avete capito? E' solo un cartello di un fan che invita a non mollare.

E' il cartello di un fan che invita il ministro a non mollare la presa. O no?

Mara Carfagna, ormai Ministro, nella rassicurante versione Maria Goretti

Mara Carfagna, ormai Ministro, in versione Maria Goretti. Chi ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato.

Giuliano Ferrara, in versione sexy. Un tempo spiava Craxi per conto della CIA, oggi fa il direttore del "Il Foglio".

Giuliano Ferrara, in versione sexy, reduce da una severa cura dimagrante. Un tempo spiava Craxi per conto della CIA. Oggi cerca di dare consigli non richiesti al Leader Supremo, che ormai pensa in proprio. Un'acuta intelligence posta al servizio del Lato Oscuro della Forza.

Uno che ha capito tutto. Con questa gente al potere, le corna tanto vale mettersele da soli.

Un cittadino che ha capito tutto. In effetti, con questa gente al potere, le corna tanto vale mettersele da soli.

Altan, 1983

Altan, 1980

PS – L’esilarante volume di Lorenzo Raffi, “Di uomini e di animali”  è adesso disponibile

presso le Librerie Feltrinelli

157846_copertina_frontcover_icon-nuova Per saperne di più clicca qui : LIBRO

Posted in Attualità, Popoli e politiche | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Libro “Di Uomini e di Animali” di Lorenzo Raffi è stato pubblicato

Posted by pocavista su 8 giugno 2010

gif-scimpanze_annoiato1

CLAMOROSO : IL LIBRO CHE TUTTI CERCANO MA CHE NESSUNO TROVA

E’ ADESSO DISPONIBILE PRESSO LA FELTRINELLI

Quello che molti considerano la maggiore novità editoriale dai tempi del ritrovamento dei “Manoscritti del Mar Morto”, il libro di Lorenzo Raffi,  “Di Uomini e di Animali – Ovvero : della bufala intesa come una delle belle arti”, adesso può essere acquistato presso la catena delle Librerie Feltrinelli, oppure on line su www.lafeltrinelli.it157846_copertina_frontcover_icon-nuova

Dato che l’autore non si chiama purtroppo né Camilleri, né Dan Brown e nemmeno – per fortuna – Vespa, il libro non si trova esposto negli scaffali delle librerie. Per ora. Il che, secondo alcuni, può costituire anche un titolo di merito. I curiosi possono sbirciare on line cliccando anche su :

SCHEDA LIBRO

I riferimenti per le librerie Feltrinelli sono i seguenti :

Lorenzo Raffi, “Di Uomini e di Animali”, cod. EAN 2 120004 576733

mucca-animIl libro costa una vera miseria : da Feltrinelli bisogna sganciare euro 17.50, di cui a me vengono in tasca pochi spiccioli. Quindi un modo sicuro per arricchirsi(!?), anche se meno fruttuoso di un buon lavoro ai semafori come lavavetri, in cui tra l’altro si sta all’aria aperta e si conosce un sacco di gente.

Dato che, pur essendo privo di un portafoglio adeguato, ho un cuore generoso, smentendo i pregiudizi di chi mi conosce, sono disponibile a inviare una copia gratuita del mio libro in formato “pdf” o “doc” ai possessori della social card, purché dimostrino di non avere mai usufruito del recente “scudo fiscale”.

Visto che nessuno compra a scatola chiusa, nel blog potete consultare l’indice del libro e alcuni incipit dei capitoli. Aggiungo, come bonus per i più volenterosi, alcune cosette prese qua e là dal capitolo “Prolegomeni ad una fenomenologia del pollo” :

Vieni, c’è una strada del pollo

gif-tacchino-ok-ucc077Quali potreb­bero essere le diverse interpretazioni di uomini fa­mosi di fronte alla domanda : “Una gallina si trova al margine di un campo. Improvvisa­mente attraversa la strada. Perché lo fa?” ?

  • Berlusconi : anch’io da piccolo, dopo essere sceso in campo, attraversavo la strada; anzi aiutavo sempre le gal­line ad attraversarla, tanto è vero che oggi tutti i polli cantano “meno male che Silvio c’è!”

  • Bossi : si tratta certamente di una gallina meridionale, perché quelle nostre, le padovane, se ne stanno al lavoro, a fare le uova, mica hanno tempo di andarsene in giro;

  • Bruno Vespa : per dare una riposta a questo angosciante dilemma, faremo tre puntate di Porta a Porta con collega­mento diretto da Cogne e interviste alla gallina, alla stra­da attraversata e a Franco Califano;

  • Buddha : porre questa inutile domanda vi rovinerà il Kar­ma per tutta la giornata;

  • Bush : ovvio, sta cercando delle armi di distruzione di massa;

  • Einstein : siete sicuri che sia la gallina ad attraversare la strada? Non sarà la strada che si sposta dall’altro lato del­la gallina?

  • Obama : yes, she can. Meglio ancora : yes, she’s hen.

  • Sacconi, Maurizio, ministro : comunico che ho disposto un’ispezione minister­iale per vedere se sono stati rispettati tutti i proto­colli previsti dalla legge e se alla gallina viene assicurata la giusta alimentazione e idratazione mentre attraversa la strada;

  • Walter Veltroni : la gallina è giusto che attraversi, “ma anche” che non attraversi la strada. In un Paese normale una gallina democratica, rispettosa non solo del mandato del proprio pollaio, “ma anche” delle ragioni del principal­e esponente dello schieramento avversario, deve stare di là, “ma anche” di qua dalla strada.

A quest’ultimo esponente suggerirei, in generale, una mag­giore cautela nelle sue pubbliche dichiarazioni (“Ciò per cui mi batto mi de­scrive più di ogni altra cosa!”), che possono prestarsi non solo a un’interpretazione positiva, “ma anche” a commenti assai male­voli.”

….

“Tra le numerose dicotomie che ci affliggono (Inferno-Parad­iso, yin-yang, Milan-Inter, liscia-gassata), ungif-gallina-che-cammina posto di rile­vo è occupato oggi dal binomio “carni rosse-carni bianche”.

Se nel galletto ruspante di un tempo predominavano i gras­si insa­turi e carni sapide più adatte a cotture prolungate, nell’o­dierno pollo in batteria prevalgono muscoli a minore contenu­to proteico e di grassi, che si prestano a una cottura rapida e aromat­izzata. Oggi le carni bian­che come quelle del pollo tendo­no ad assumere una sempre maggiore diffusione alimentare, sia per ragioni di costo che per il sostegno for­nito alle “fibre chiare” da una dietetica spesso più emotiva che scienti­fica.

L’immaginario collettivo attribuisce caratteristiche come “fred­do”, “femminilità”, “sapore tenue”, “cucina delicata” alle carni bianche (come pollo e tacchino d’allevamento, coniglio, vi­tello). Alle rosse (manzo, faraona, cinghiale, lepre) vengono as­sociati elementi quali “caldo”, “eccitazione”, “virilità”, “cucina robusta”. Più incerta è la collocazio­ne di maiale e agnello.

Anche nel mondo degli umani, alle carni bianche (come la Pre­stigiacomo, Marzullo, l’on.Franceschini, Floris) fanno da con­traltare quelle rosse (Diliberto, Di Pietro, Er Pecora e, premio speciale della giuria, la Santanchè). Analogamente al maiale e all’agnello, il leghista Calderoli e l’avvocato Ghedini non sem­brano trovare adeguata attribuzione tra le due categorie, dato che secondo alcuni studiosi si tratterebbe di organismi tran­sgenici.

Elemento assai importante per il consumo delle carni è poi rappresen­tato dalla “frollatura”, processo che conferisce tenerez­za al muscolo dopo la macellazione. Carni bianche, più ricche di zuccheri, subiscono una frollatura rapida; quelle rosse, in cui prevalgono i grassi insaturi, necessitano di una frollatura prolun­gata.

Diamo qualche esempio umano per capire meglio il pro­cesso di frollatura. Frollatura istantanea : Fassino, che agli esami di laboratorio si rivela essere un falso grasso; frollatura rapida : Veltroni, la Moratti, Rutelli; molto lunga: Berlu­sconi, Prodi, Vespa. Inutili le frollature per Fede, incomme­stibile in qualsiasi preparazione; per Diliberto e Vittorio Feltri, dalle carni troppo tigliose; e per il ministro Bondi che, malgrado l’ab­bondanza di grassi saturi e insaturi, pare già frollato di suo. …”

gif-bean_laughing

Conclusione : se avete resistito finora, fate girare l’indirizzo di questo blog tra i vostri amici, parenti e benefattori. Regalatevi e regalate il mio libro. Non dico che avrete la riconoscenza dei vostri amici, che comunque – male che vada – si faranno quattro risate, ma almeno la mia. Il che, con questi chiari di luna, non è poco. LR

Vorreste vedere l’indice del libro? Cliccate qui sotto

INDICE

Non vi basta e volete dare un’occhiata agli incipit dei vari capitoli del libro? Cliccate in corrispondenza dei vari titoli :

CANE vs LUPO

ASINO

BUFALE

PORCO

CORNUTI

QUAGLIA

POLLO

GATTO

CAVALLI E CAVALIERI

gif-copyflag

Volete saperne di più? Chiedete e vi sarà dato : lasciate perciò un commento a questo post.

Motori ricerca

Posted in Animali, Arte e cultura, Attualità, Natura, Popoli e politiche, Società e costume | Contrassegnato da tag: , , , | 6 Comments »

L.Raffi – Indice del libro

Posted by pocavista su 16 gennaio 2010

 

 

 

gif-copyflagQuesto post gode dei diritti d’autore e NON può essere copiato nè riprodotto parzialmente, senza un’autorizzazione scritta dell’autore.

Copyright on issues published on this post

NO copy without a written permission by the Author

 

157846_copertina_frontcover_icon-nuova

 

 

 

LORENZO RAFFI – DI UOMINI E DI ANIMALI

Ovvero della bufala intesa come una delle belle arti

pg.252

 

 

 

 

 

 

 

Indice

Prefazione 11

Introduzione dell’Autore 15 gif-indice-libri0141

Cane e lupo : Dr.Jekyll e Mr.Hyde 19

Il Cane di Darwin. 19

Il Canis Familiaris 20

Ottimo l’accompagnatore. Facendo le corna. 21

Il cane da guardia della privacy. 22

“Nei secoli fedele” 22

O Franza o Spagna 23

La fidelity card del cane 24

Il cane, il senatore e il Vangelo di Luca 25

Forza Lupi! 26

I ragazzi della via Bacchilide 27

Lupus in Fabula 29

Cappuccetto, una fiaba a luci rosse 31

“Findus persecutionis” 31

I “Fioretti” del lupo 32

Donne e lupi : ovvero il bestiaire d’amour 35

Totò e la sindrome di Stoccolma 36

Lo psicopompo di Ceppaloni 38

Il GPS di Odino 39

Il lupo si è fatto un acido 40

I lupi mannari? Praticamente dei travestiti 41

Il leopardo con l’American Express. 42

L’abito e il monaco 42

Il metodo educativo di Javhè 43

Assassino nella Cattedrale 44

Il lupo sulla poltrona del barbiere 45

Teniamoci in contatto 46

Della bufala, intesa come una delle belle arti 47

La pantera, la bufala e La Russa 47

Bufala “verace” e bufala “OGM” 48

L’etnocentrismo, chi era costui? 51

Le streghe al CEPU 54

La notte degli strigiformi 55

La magia nera africana, per la prima volta svelata 56

I batraci del Maligno 58

Lo scartiloffio di Gilgamesh 59

Il serpente, dalla bufala primigenia a Cocullo 60

Piccole bufale crescono 61

La tecnica del venditore di successo 62

La dissonanza cognitiva. Chi era costei? 64

L’hamburger di vera bufala 65

Dell’arte di cucinar la bufala 68

Il FOAF e il marketing virale 68

Bufale metropolitane 71

I durissimi testicoli del topo 73

Il coniglio risorto 75

La dentiera della gazza 76

Le badanti dell’inconscio 78

Prolegomeni ad una fenomenologia del pollo 81

Il pollo, dalla tavola all’alettriomanzia 81

Pollo e i suoi fratelli 83

Punti di svista 83

Il povero e l’exit poll 84

Legge del contrappasso 85

L’oscuro oggetto del climaterio 85

Vieni, c’è una strada del pollo 86

Elogio della stupidità del pollo – Atto II : la vendetta 89

Il pollo va in bianco 91

L’uovo, Fabergè e il vin santo. 92

Prima l’uovo o la gallina? 93

Gallina che canta ha fatto l’uovo 94

Excursus, breve ma non troppo, sui fondamenti della religione “gattolica 97

La letteratura “gattolica” 97

Il Miacis della mezzaluna. 99

Simbiosi mutualistica e sbarchi clandestini 100

La gattara egizia 102

La stele di Rosetta e le vite del gatto 102

Lo sternuto del leone. 103

Il gatto, gli scafisti, il Minotauro 104

Da Tarquinia a Maometto 106

La nemesi del gatto : il Co.Co.Co. del Maligno 107

Dell’arte di picchiare un gatto 109

“Adda’ passa’ ‘a nuttata” 110

Il gatto e la social card 111

Dai roghi allo star system 112

Metempsicosi e nodi del Thai 114

Il micio zen 115

Leggende feline contemporanee 117

Il talent scout dell’Aldilà 118

L’arte dei gatti bonsai 120

Sociologia del gatto 122

Tortore, falchi, quaglie e altri volatili. 125

Piume di struzzo e penne di alpini 125

La colomba? Una vera civetta. 127

Santo Francesco, le tortore e il karaoke 128

Uccelli da preda. Falchi contro colombe 131

I rapaci e il maschio sterile 135

Il QI della quaglia 136

Dalla Quaglia al Quagliariello 138

Le niveau monte 140

Conclusioni. 144

Di bovini e d’altri cornuti 145

T’amo pio bove, ovvero come eravamo. 145

Da Giovanni Rana al Mulino Bianco 147

La famiglia del toro 149

Il SUV e la Ferrari 150

Chianina batte Kobe 152

L’età dell’uro 153

T’amo bio, bove 154

Il bue e l’effetto serra 155

Il bovino : uno status symbol 158

Il bue fondatore 159

Dal Labirinto di Creta a Casoria. 162

Lamborghini, un toro da corrida 163

L’indulto del toro 164

Il toro : dall’astrologia all’orbace 165

La vacca sacra 168

La sineddoche del potere 169

Cornuto equo e solidale 172

Dall’homo cornutus all’unicorno 174

Il Viagra e l’estinzione del rinoceronte 176

L’asino, il ministro e la volpe 179

L’asino nel salotto di Vespa 179

Il SUV dei poveri 181

L’asino si è stufato 183

Dal Grande Fratello a Buridano 184

L’asino? Un’arma di distruzione di massa 186

L’epifonema dell’asino 188

Splendori e miserie di Monsieur Maiale 189

Quel maiale di Lamarck 189

Enkidu in discoteca 190

Maiale con tetto, cinese perfetto. 193

Il porco al Centro Benessere 195

Glandaticum padanorum 195

La vulva sterilis di Apicio 197

Caduta e rinascita del maiale 198

L’insostenibile leggerezza del suino 200

Anche il porco ha un’anima 201

Totem e tabù 204

E’ più facile spezzare un atomo che un luogo comune 206

Il rumine con gli zoccoli 207

Dall’andouillette al lampredotto 210

Il maiale esplosivo 212

Quel porco ha il vizio del fumo 214

La Scarfonia del norcino 216

Il culatello, apostrofo rosa 217

Due lardi tra le cosce 219

Mortadelle e altre insidie 220

Zibetto, Zibello o Zibellino? 221

Cavalli, cavilli e cavalieri 223

La nascita del cavallo 223

Il presagio al galoppo 224

Dai Teti ai Pentacosiomedimni 226

Il cavallo, la moto e la bici 228

Il cavallo di Troia 232

Gli equites sul rotocalco 233

La fine della cavalleria 235

Il cavallo è in gioco. 237

Cavalli di razza e Cavalieri 240

Nani, ballerine ed altri equini 241

Hic sunt peones 242

Dal Signore degli Anelli al Signore dei Capelli 245

Il coccodrillo come fa? Ovvero il quizzone 247gif-coccodrilo-che-fugge

Conosci veramente gli animali, come dici in giro? 247

Confronta le tue risposte 249

 

 

 

 

Posted in Animali, Attualità, Natura, Popoli e politiche, Senza categoria, Società e costume | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: